Come una libellula di Maria Carapelli

Come una libellula.

Maria Carapelli ci racconta la sua opera.

Si narra che un grande drago per sfuggire ad un coyote si trasformò in una libellula blu, rimanendo imprigionato della sua stessa magia.

La libellula ha imparato ad essere libera e io come lei sto cercando di trovare la mia libertà.

“Come una libellula” è una raccolta di poesie da me scritte, ognuna di queste poesie rappresenta non solo un mio pensiero ma un mio ricordo, una mia emozione e anche se scritte in maniera semplice per me sono molto profonde.

Scrivo da sempre, almeno ci provo.

Scrivere mi fa entrare in un altro mondo e dimenticarmi della realtà, la poesia è come una magia che dovrebbe trasportarci in un altro mondo.

La scrittura mi rende libera, in una vita in cui non mi sento libera e in cui sono continuamente imprigionata.

Sono ancora un bruco in attesa delle sue ali Aspetto i vostri commenti dopo aver letto questa raccolta di poesie

Link d’acquisto

https://www.amazon.it/dp/1976990351

Recensioni ricevute

Ho conosciuto Maria su Wattpad e ho apprezzato fin da subito il suo modo di scrivere, così ho deciso di acquistare il suo libro su Amazon.

Come una libellula è una raccolta di poesie che parlano di famiglia (A mia madre, Mio nonno), di amori perduti (Oltre il cuore) e trovati (Insieme a te), di addii (Promessa), della paura e del coraggio di andare avanti, nonostante tutto (Paura) …

La scrittura è semplice, ma così corposa e piena che le parole si trasformano in immagini vive e reali.

Ogni giorno viviamo alla ricerca di qualcosa, che sia un sogno o la perfezione, non ci soffermiamo mai sui singoli attimi.

Invece una libellula ha vita breve, perlopiù la passa allo stato di larva, aspettando la trasformazione e, quando questa accade, è qualcosa di incredibile e affascinante.

E’ vita. Vita vera.

Dopo aver letto questa raccolta di poesie anche io vorrei essere come quella libellula blu, libera tra mille folate di vento.

Serena

Precedente Sandro Serafini Successivo Eratre, uno dei personaggi della dama bianca.